Vai ai contenuti

Noccioli di cliegia-Prodotto 100% Italiano

Pagine nascoste > creative products
Il cuscino con noccioli di ciliegia è impiegato nelle terapie del caldo e del freddo. È un ottimo rimedio per dolori cervicali, addominali e stress.

Le Proprietà
I noccioli di ciliegio hanno tra le loro proprietà quella di assorbire sia il calore che il freddo e di rilasciandole lentamente per via delle piccole camere d’aria naturali al loro interno. Non è un caso che già le nonne ricorrevano ai loro effetti benefici inserendone una manciata nei cuscini e anche oggi il collare cervicale realizzato con i noccioli di ciliegia è riconosciuto come un'ottima soluzione naturale ed ecosostenibile.
Benefici
Per via della loro capacità nel rilasciare la temperatura immagazzinata i cuscini di noccioli di ciliegio vengono impiegati sia nella terapia del caldo che del freddo. Nella prima l’effetto è rilassante e, non a caso, lo scaldacollo con noccioli di ciliegia è ampiamente utilizzato per alleviare da dolori articolari e muscolari, mal di schiena, cefalee da tensione, torcicollo, stati di tensione, nervosismo, stanchezza e stress, ma anche nel caso di crampi addominali, dolori mestruali, geloni e come sostituto della borsa d’acqua calda. Nella terapia a freddo, invece, il cuscino è utile come borsa del ghiaccio in caso di storte, distorsioni, slogature, gonfiore, punture d’insetti, vene varicose e contusioni e anche per rimediare ai colpi di calore.

Come utilizzarlo
Il calore secco e di lunga durata che fornisce un oggetto riempito con i noccioli di ciliegio non provoca scottature. Basterà scaldare il cuscino per cervicale con noccioli di ciliegia in forno spento precedentemente riscaldato a 150 gradi e lasciandoli riscaldare per circa 5 minuti.
In alternativa è possibile riscaldarli nel microonde per due minuti a 500 watt per un paio di volte oppure sul termosifone. Per ottenere i benefici del trattamento a freddo dovrete, invece, tenere il cuscino per due ore in freezer chiuso in un sacchetto di nylon per evitare che si bagni il tessuto.

Torna ai contenuti